Reggio Calabria
 

Reggio, accusato di stalking e lesioni aggravate: va ai domiciliari

Antonino Giordano accusato di stalking e lesioni aggravate in danno della sua ex compagna, è uscito ieri dal carcere di Arghillà.
Il Gip presso il Tribunale di Reggio Calabria infatti, in accoglimento dell'istanza di revoca/sostituzione di misura cautelare formulata dagli Avv.ti Ettore Aversano del foro di Roma e Antonino Foti, ha disposto per lui gli arresti domiciliari.

Giordano, per i rea ti sopracitati, poco meno di un mese fa era stato condannato dal GIP Dr. Santoro alla pena di 3 anni e 8 mesi di reclusione.
I penalisti di fiducia del Giordano, in attesa di impugnare la sentenza di condanna, avevano predisposto una articolata istanza di scarcerazione corredata dai più recenti dati giuridico-procedurali inerenti la materia, con la quale dimostravano come le esigenze cautelari fossero ormai definitivamente cessate o comunque fortemente affievolite.
Il Gip, ritenute scemate, ma non completamente venute meno le esigenze di cautela, così aderendo alla tesi subordinata formulata dai penalisti Ettore Aversano e Antonino Foti, ha quindi disposto per la scarcerazione di Giordano con direzione domiciliari.