Catanzaro
 

Catanzaro, Bosco (Cambiavento): "Campo scuola pista di atletica 'Mennea' e la propaganda di Abramo"

"L'amministrazione Abramo, al netto della sulla longevità, ha una costante. Tanti annunci a cui non fa seguito la realizzazione delle opere. Questo vale soprattutto per l'impiantistica sportiva. Si parla tanto di funzione sociale dello sport, di recupero dei quartieri e di rigenerazione urbana, ma nei fatti l'operato dell'amministrazione va in un'altra direzione. Il caso emblematico è quello del Campo Scuola Pista di Atletica "Pietro Mennea". E allora mi chiedo che fine hanno fatto il computo metrico per l'omologazione tecnico-sportiva e il progetto di restyling con relativa messa a norma e ammodernamento di tutta la struttura sportiva? Nell'idea progettuale era prevista anche la realizzazione di una pista Indoor (pista al coperto di 67 metri)". Lo afferma il consigliere Gianmichele Bosco, capogruppo di Cambiavento.

"Una cosa affascinante perché a quel punto sarebbe l'unico impianto di Atletica Leggera di questo tipo in tutto il Sud Italia. Rammentiamo che il sindaco Abramo in più occasioni, durante le premiazioni, assunse comunque l'impegno solenne di omologare e ristrutturare la Pista di Atletica del Campo Scuola. Parole al vento proprio in un punto della città dove soffia spesso e volentieri. Quegli annunci sono stati solo propagandistici ed elettorali, visto che, ad oggi, nessuno ha portato avanti il lavoro pregresso fatto, in quel caso, dall'ex assessore allo Sport Giampaolo Mungo. L'intitolazione ad un grandissimo dello sport come Pietro Mennea poteva significare accendere i riflettori su un impianto potenzialmente in grado di portare sviluppo sul territorio. Da un fuoriclasse senza tempo ad un campione dei "finanziamenti non persi", come si definisce il sindaco Abramo, che però non ha proposto alcuna richiesta di contributo alla Regione Calabria rispetto ai bandi agevolati sull'impiantistica sportiva: come mai? Perché, finora, non si è proceduto a definire l'iter progettuale del restyling? Perché, in alternativa, non si finanzia l'opera attraverso il Credito Sportivo del CONI? Attendiamo risposte dall'Amministrazione Abramo che ha cancellato dalla sua agenda lo sport cittadino, lasciando marcire la maggior parte degli impianti sportivi. Noi vogliamo fatti, non inaugurazioni flash".