Calcio
 

Reggina, anche la Paganese beneficia della "cura Drago": 0-0 contro il fanalino di coda

bacletdi Paolo Ficara - Nostalgia dei punti. Assente il gioco, ma l'assenza che più preoccupa è quella della vittoria per la Reggina. Non si riesce a riprendere "la marcia di quattro domeniche fa" nemmeno sul campo della Paganese, destinata alla Serie D praticamente dall'inizio in stile Akragas. Finisce 0-0 al "Torre" una gara in cui Massimo Drago è sembrato accontentarsi dello 0-0. L'espulsione di Baclet al 41' non si può dire abbia inciso su risultato o prestazione. Così non si può andare avanti.

LE SCELTE – Ampiamente pronosticato il 5-3-2 di mister Drago con Strambelli che parte terzino. Poi il barese si trasformerà in trequartista, con Salandria spedito a sinistra. Doumbia a tener compagnia a Baclet in avanti. De Sanzo si mette a specchio con un 3-4-1-2, piazzando Della Morte alle spalle di Parigi e Di Renzo. Tosta la batteria dei centrali.

RINTANATI NEL PRIMO TEMPO – Nel primo quarto d'ora non si capisce quale sia l'ultima in classifica e quale la nobile decaduta. Padroni di casa che mancano una clamorosa occasione con Carotenuto, che di testa anticipa Strambelli ma spedisce fuori. Non ha miglior fortuna un tiro da lontano di Di Renzo. Reggina fallosa: il già ammonito Baclet si tuffa in area al 41'. Ricevendo il secondo giallo e lasciando i compagni in dieci. Una inguardabile prima frazione si conclude con un'inzuccata a lato di Conson. Nel frattempo Strambelli, dopo essere tornato trequartista intorno alla mezz'ora, va di punta in un 3-4-2.

PIATTUME – Due squadre già sensibilmente allungate dopo pochi minuti, non riescono a partorire qualcosa di diverso nella ripresa. Al cospetto di una Paganese che ha incassato 62 gol in stagione, la Reggina in inferiorità non produce un solo tiro in porta. A nulla serve l'ingresso di Tassi al posto di Franchini. È Confente a dover tenere gli occhi aperti in un paio di occasioni, salvando al 94' su una conclusione comunque centrale di Capece.

MA CI RENDIAMO CONTO? – L'abbraccio riservato a Confente dai propri compagni, dopo la facile parata che ha preceduto di un istante il fischio finale, è emblematico. La Reggina non può esultare per un pareggio contro una squadra che non vince in casa da un anno, anche perché si tratta della quinta gara senza i tre punti. Ma a mancare, oltre i punti, sono anche gioco e condizione fisica. E forse sono iniziati i primi infortuni muscolari: Kirwan si è accasciato da solo, senza contrasto. Nel prossimo weekend gli amaranto non giocheranno, ma l'orecchio è teso verso quei provvedimenti che presidente e direttore generale non possono più rimandare.

PAGANESE – REGGINA 0-0

PAGANESE (3-4-1-2): Galli; Piana, Stendardo, Della Fiore; Carotenuto, Capece, Nacci (81' Navas), Della Corte (46' Gaeta); Della Morte (70' Cappiello); Di Renzo (70' Fornito), Parigi. A disposizione: Santopadre, Tazza, Sapone, Alberti, Acampora, Gifford, Schiavino, Gargiulo. Allenatore: De Sanzo.

REGGINA (5-3-2): Confente; Kirwan (77' Sandomenico), Conson, Gasparetto, Solini, Strambelli; Franchini (57' Tassi), Zibert, Salandria; Baclet, Doumbia. A disposizione: Farroni, Redolfi, Pogliano, Ciavattini, Seminara, Procopio, De Falco, Marino, Tulissi, Martiniello. Allenatore: Drago.

Arbitro: De Angeli di Abbiategrasso

Ammoniti: Baclet, Solini, Della Fiore, Tassi, Capece, Salandria, Parigi, Strambelli

Espulso: Baclet al 41' per doppia ammonizione