Da Rifondazione Comunista una proposta per il contenimento e la gestione dell'emergenza epidemiologica da COVID-19

"Con l'ordinanza di ieri del Presidente della Regione Calabria, verranno sottoposti a tampone per la ricerca di Covid-19 tutti gli operatori sanitari delle strutture pubbliche e delle strutture residenziali (ad esempio, RSA), i pazienti ospedalizzati in queste ultime che hanno sintomi riconducibili all'infezione da Coronavirus e i soggetti con patologie. Questo in seguito alla situazione venutasi a creare nell'RSA di Chiaravalle Centrale. Sempre di ieri è la notizia dell'arrivo in Calabria di 80.000 kit-tampone e di 3.000 mascherine.

Nei giorni scorsi avevamo ribadito la necessità di un intervento urgente per quanto riguarda la tutela della salute di lavoratrici, lavoratori e pazienti, anche in strutture come le RSA, attraverso misure di protezione e tamponi. Vorremmo, pertanto, lanciare una proposta per la nostra Regione e per il Mezzogiorno.

Ad oggi sono 11.958 le persone giunte in Calabria registrate al sito della Regione.

A queste andrebbe fatto il test per la diagnosi Covid-19. Nei casi di positività estendere il test alla famiglia e agli eventuali contatti, e monitorare dopo 10 giorni. in questo modo si possono individuare eventuali focolai provocati dall'esodo dal Nord. Allo stesso tempo, col supporto dei medici di base, indirizzare a tampone i soggetti sintomatici e progressivamente alle loro famiglie e contatti. Da quanto è emerso dallo studio di Vo Euganeo il maggior fattore di contagio sono gli asintomatici e lì, grazie alla ricostruzione dei contatti, è stato possibile isolare i positivi e arrestare la diffusione. Misure come la chiusura degli accessi in Regione e quarantena volontaria possono esser utili, ma non sufficienti. Tra chi è rientrato in Calabria potrebbero esserci degli asintomatici che infettano a cascata le famiglie e queste, andando al lavoro o a fare la spesa, tutti gli altri. In questo modo è possibile individuare la popolazione attiva positiva e, attraverso la quarantena, tutelare quindi i luoghi di lavoro evitando ulteriori effetti sul tessuto produttivo.

Va potenziata, inoltre, la sorveglianza attiva di chi è contagiato a casa con sintomi lievi, al fine di controllare lo sviluppo della malattia e, nell'ipotesi di un peggioramento, evitare che arrivi in ospedale in condizioni critiche. Sarebbe, a nostro avviso, utile individuare, differenziare e adeguare la prevenzione, utilizzando efficientemente risorse economiche e umane per evitare l'ondata di positivi agli ospedali.


Le strutture ospedaliere vanno sì potenziate, come diciamo da tempo, ma bisogna affrontare il problema degli asintomatici e contagiati lasciati a casa, compartimentando i casi e isolandoli.

Questa nostra proposta è indirizzata alla valorizzazione delle risorse professionali che abbiamo in Calabria, al fine di evitare un silente contagio in casa.". Lo afferma una nota del Partito della Rifondazione Comunista/Sinistra Europea – Calabria.