“Forze occulte contro l’Hospice”. Chiesto incontro all’Asp per salvare la struttura “Via delle Stelle”: “Pronti a lasciare a chiunque voglia gestire senza interessi personali”

confhospice10lugdi Claudio Cordova - La paventata chiusura dell'Hospice "Via delle Stelle" scuote Reggio Calabria. Dopo aver annunciato ieri la sospensione delle attività dal prossimo 15 luglio, è il Consiglio d'Amministrazione della struttura che da anni accoglie i malati terminali a mantenere viva la questione con una conferenza stampa che risponde peraltro alla nota diffusa dall'Azienda Sanitaria Provinciale di Reggio Calabria, commissariata per infiltrazioni della 'ndrangheta e in condizioni economiche disastrose.

E sono proprio i termini economici il problema.

E' il presidente della Fondazione che amministra l'hospice, Vincenzo Trapani Lombardo, a tracciare il quadro più ampio: "Non vogliamo fare polemiche con l'Asp, in cui abbiamo fiducia. Ma non abbiamo ancora un contratto, fino ad ora siamo andati avanti grazie alle donazioni". L'Hospice "Via delle Stelle", infatti, è tra le realtà più amate dalla popolazione, che anche nelle ultime ore ha fatto sentire la propria indignazione: "Non posso che ringraziare tutti i cittadini che ci hanno sostenuto e che ci sostengono, così come siamo grati a tutte gli schieramenti politici, che in queste ore ci hanno fatto sentire la loro vicinanza. Noi siamo apolitici e per questo accettiamo l'aiuto di tutte le forze".

Le condizioni dell'Hospice sono un tema che, ciclicamente, si ripete: "In passato, quando a gestire la struttura c'era una cooperativa, la Regione faceva rimesse a macchia di leopardo, che permettevano comunque di pagare gli stipendi e i fornitori. D'altra parte, le ristrettezze economiche dell'Hospice sono note a tutti" afferma ancora Trapani Lombardo.

Dall'Hospice si sottolinea come in ballo ci sia qualcosa in più rispetto alle cifre e ai bilanci, dato che la struttura fornisce cure, conforto e aiuto psicologico ai malati e ai loro cari, nel periodo, doloroso, che precede la morte: "A fronte di un budget di un milione e seicentomila euro, abbiamo avuto una produzione di due milioni. Per una struttura come la nostra, i bilanci non possono essere in attivo: del resto, è l'Asp stessa che ci manda il paziente e che richiede la prestazione. Non stiamo parlando di chirurgia plastica, ma di Livelli Essenziali di Assistenza" dice Trapani Lombardo. Alla conferenza stampa partecipano anche i rappresentanti di Comune e Città Metropolitana, che sono presenti nel Consiglio di Amministrazione: "Non è una lotta politica, ma una battaglia da vincere per i pazienti" dice Filippo Bova. "Il trattamento del malato terminale è straordinario perché coinvolge la psicologia" aggiunge Valerio Misefari. Per Leonardo Iacopino della LILT "il centro non ha nulla da invidiare a quelli del Nord".

Le parole che più pesano, però, sono quelle del presidente Vincenzo Trapani Lombardo e del suo vice, Salvatore Vita: "Il mio punto di riferimento sono sempre stati i malati e gli operatori, non i conti – afferma Trapani Lombardo – ma devo dire che ci sono forze occulte che remano contro l'Hospice". Un concetto ribadito dal dottore Vita: "Perché questo ostracismo da parte dell'Asp? Noi siamo disposti a cedere a chiunque voglia gestire, ma lo sottolineiamo: gestire senza interessi personali".

Parole gravi, su cui i due – pur direttamente interpellati – non forniscono ulteriori dettagli.

Lo stesso Vita dice: "Valutiamo l'ipotesi di andare in Procura, se vi dovessero essere le condizioni, ma non è questo ciò che chiediamo: noi vogliamo che l'Hospice non chiuda". E', infine, Trapani Lombado a chiedere un incontro in tempi rapidi all'Asp: "Chiediamo il contratto per il 2019, che ancora non abbiamo, e la liquidità per quanto già fatto. Siamo disposti a fare un passo indietro, ma devono essere salvaguardati la qualità del servizio e i livelli occupazionali degli operatori, che sono la vera forza dell'Hospice".

Leggi qui le notizie correlate:

http://ildispaccio.it/primo-piano/217636-reggio-chiude-l-hospice-via-delle-stelle-cannizzaro-fi-asp-paghi-spettanze-arretrate

http://ildispaccio.it/primo-piano/217648-chiude-l-hospice-di-reggio-i-commissari-dell-asp-profonda-amarezza-nostro-impegno-massimo-nonostante-le-inadempienze-della-fondazione

Creato Mercoledì, 10 Luglio 2019 12:33