Cosenza
 

Scalea, nasce la sezione locale dell'alto Tirreno cosentino dei Convegni di Cultura Maria Cristina di Savoia

E' stata costituita a Scalea (CS) la sezione dei Convegni di Cultura Maria Cristina di Savoia dell'alto Tirreno cosentino. L'attività che sarà portata avanti dalla sezione non interesserà, dunque, il solo territorio comunale di Scalea ma, in un ottica di più ampia collaborazione e diffusione culturale, abbraccerà anche tutti i comuni ricadenti in tale ambito territoriale.

La costituzione è intervenuta alla presenza della dott.ssa Angela Gatto, presidente regionale dell'associazione e di don Franco Laurito che ne accompagnerà il percorso in qualità di assistente ecclesiastico.

"La sezione dell'alto Tirreno cosentino – ha sottolineato la dott.ssa Angela Gatto – rappresenta un risultato importante tanto per la posizione territorialmente strategica in cui viene istituita quanto per la composizione del consiglio, formato da giovani professioniste che hanno mostrato amore per la cultura ed intraprendenza nel lavoro fin qui svolto".

La sezione dell'alto Tirreno cosentino, sarà presieduta dall'avv. Tiziana Forestieri e potrà contare sul sostegno di un consiglio di presidenza formato da figure femminili del territorio alto tirrenico, già impegnate nei diversi settori socioculturali. Il consiglio si compone di due vice presidenti, la dott.ssa Filomena Pandolfi e la dott.ssa Benedetta Ianniello, di una tesoriera, l'imprenditrice Barbara Pandolfi e di una segretaria, la dott.ssa Adriana Sabato, giornalista anche incaricata per la stampa.

I Convegni di Cultura Maria Cristina di Savoia nascono nel 1937 ad opera delle donne dell'Azione Cattolica che, ricercando uno spazio di espressione del pensiero, hanno deciso di dare vita ad un movimento con il precipuo scopo di favorire la formazione culturale, sociale e religiosa.

La neo presidente della sezione dell'alto Tirreno cosentino ha espresso grande soddisfazione per la carica che rivestirà.

"E' una realtà associativa prestigiosa, storicamente radicata sul territorio nazionale – ha dichiarato l'avv. Forestieri – che sarà, anche per Scalea ed il comprensorio, fondamentale veicolo di diffusione della cultura".

Nei prossimi giorni sarà celebrata una messa, nella Chiesa di Santa Maria d'Episcopio, per siglare la nascita di questa nuova realtà associativa e per avviare le adesioni di chiunque vorrà partecipare alle attività di studi e di cultura che saranno proposti attraverso il Convegno.

"Il neoeletto consiglio di presidenza – ha sottolineato l'avv. Forestieri – intende promuovere eventi, anche in collaborazione con le amministrazioni comunali e le altre realtà associative già attive sul territorio, al fine di valorizzare il patrimonio storico culturale di Scalea e del comprensorio, il tutto senza trascurare le questioni di interesse sociale. In un periodo contrassegnato dall'utilizzo massivo della tecnologia e dei social network per la comunicazione, nonché dalla progressiva e pericolosa perdita del contatto umano, sono convinta che un'associazione come questa possa contribuire anche al recupero di quel bagaglio di valori che colloca l'uomo e la sua umanità al centro dell'esistenza ed in cui il concetto dell'essere torna a prevalere rispetto a quello dell'avere".

Sabato 26 ottobre, alle ore 18:00, sarà celebrata una messa a Scalea nella chiesa di Santa Maria d'Episcopio. La cittadinanza è invitata a partecipare.