Cosenza
 

Camigliatello Silano (Cs), presentato il libro "Collezione Ori antichi della Famiglia Spadafora. Maestri orafi in San Giovanni in Fiore"

"Collezione Ori antichi della Famiglia Spadafora. Maestri orafi in San Giovanni in Fiore" e' il titolo del libro, curato da Rosa Romano ed edito da Rubbettino, presentato a Camigliatello Silano nell'ambito della 18/ma edizione di "Incontri nel Parco Old Calabria".

Oltre all'autrice Rosa Romano, Pasquale Lopetrone, ideatore del progetto scientifico e grafico del volume a stampa, sono intervenuti Giancarlo e Monica Spadafora in rappresentanza della famiglia Spadafora, proprietaria della collezione. Il volume, attraverso schede tecniche e storico-artistiche, ripercorre la storia degli Spadafora, , e dell'oreficeria in Calabria, mettendo in luce i protagonisti che emergono dai documenti consultati. Oggetto delle schede e' una raccolta di oreficeria popolare calabrese fra Ottocento e Novecento, che il Mibact ha riconosciuto come patrimonio dell'arte italiana e che presto diventera' un'esposizione permanente. I gioielli proposti sono stati analizzati da un punto di vista storico artistico e messi a confronto con l'arte europea dell'epoca, evidenziando le particolarita' tipiche del territorio calabro. La prima presentazione del "libro-scrigno" e' avvenuta nelle Sale Pompeiane del Palazzo Reale di Napoli proprio a testimoniare l'importanza che, nell'ambito dell'oreficeria borbonica, riveste questa consistente collezione (piu' di 400 oggetti). Tutto questo grazie alla lavorazione con antiche tecniche a stampo e rifinitura a mano, a cesello o incisione, caratteristiche per le quali la Calabria possiede un'antica tradizione e che costituiscono elementi di grande interesse anche grazie ai parallelismi con gioielli tipici dell'epoca ma di diversa provenienza. Attraverso questi gioielli, inoltre, si e' cercato di evidenziare la loro importanza nelle ritualita' sociali e familiari e come la Calabria abbia saputo preservare, anche attraverso l'oreficeria, le proprie tradizioni culturali.