Cosenza, illustrata in commissione Trasporti la bozza del documento preliminare del Piano Urbano per la mobilità sostenibile della città

Sta per entrare in dirittura d'arrivo il Piano Urbano per la mobilità sostenibile, importante strumento di pianificazione del territorio diretto specificamente alla gestione dei problemi connessi ai trasporti nelle aree urbane.
Questa mattina, la bozza del documento preliminare del Piano Urbano per la mobilità sostenibile (PUMS) della città di Cosenza è stato illustrato in Commissione consiliare trasporti, presieduta dal consigliere comunale Gisberto Spadafora, dal dirigente del settore trasporti e mobilità, Arch.Giuseppe Bruno.
Ad inizio di seduta il Presidente della commissione trasporti Gisberto Spadafora ha espresso apprezzamento e soddisfazione per la prossima adozione del PUMS da parte della giunta comunale. "Si tratta – ha detto Spadafora – di uno strumento importante che tende ad armonizzare la cosìddetta mobilità dolce, decongestionando il traffico, prevedendo l'istituzione di zone a traffico limitato (le ZTL) , seguendo le linee già adottate dall'Amministrazione comunale, l'utilizzo di mezzi alternativi a quelli a scoppio, con particolare riferimento a quelli elettrici e agli ibridi, e l'implementazione di servizi di bike sharing come sta avvenendo per l'imminente entrata in funzione del servizio che prevede la dislocazione sul territorio urbano di 130 biciclette". Il dirigente del settore trasporti e mobilità Bruno ha indicato nella costituzione dell'ambito territoriale di riferimento lo snodo fondamentale per l'adozione del PUMS che, rispetto ai contenuti, guarda alle linee guida della Comunità Europea e al Decreto ministeriale del 4 aprile del 2017 del Ministero delle infrastrutture e trasporti.

Per l'individuazione dell'ambito territoriale di riferimento è applicabile – è scritto nel documento preliminare al PUMS – la previsione dell'art.15 della Legge regionale 31 dicembre 2015 n.35. Per la costituzione dell'Area Urbana di Cosenza, i Comuni della città capoluogo e di Castrolibero e Rende hanno già comunicato la propria adesione per la stipula della relativa convenzione. Anche il Comune di Montalto ne ha fatto richiesta, ma la sua partecipazione non è ancora ufficiale. Secondo l'arch.Bruno "è importante partire formalmente con la procedura e allargare il tavolo alle altre Amministrazioni". Il documento predisposto in bozza dal dirigente Bruno rappresenta la base dalla quale partire per l'adozione della conseguente delibera da parte della giunta comunale. Cosenza avrà il ruolo di Comune pilota nell'adozione del PUMS.
Obiettivi del PUMS sono, tra gli altri, un più efficace ed efficiente sistema di mobilità, il miglioramento del trasporto pubblico locale, il riequilibrio modale della mobilità, la riduzione della congestione dovuta al traffico, il miglioramento della qualità dello spazio stradale ed urbano, la riduzione del consumo di carburanti, il miglioramento della qualità dell'aria cui si accompagna la riduzione dell'inquinamento acustico, la sicurezza della mobilità stradale.

Creato Mercoledì, 19 Giugno 2019 15:12