Cosenza
 

Cassano allo Ionio (Cs), domani un focus sul Piano integrato strategico d’area “Parco Culturale della Sibaritide”

"La Sibaritide tra Identità Storica, Innovazione e Sviluppo Locale". E' questo il tema centrale della manifestazione pubblica organizzata dal Comune di Cassano All'Ionio, quale ente capofila, d'intesa con il MIBAC, in programma per giovedì 22 novembre, alle ore 16:30, presso il Teatro Comunale. I lavori, saranno caratterizzati dalla presentazione degli esiti e delle prospettive di sviluppo e di attuazione del Piano Integrato Strategico d'Area denominato "Parco Culturale della Sibaritide", espressione di un'aggregazione di 31 comuni legati dalla sottoscrizione di un'apposita convenzione. All'evento sono state invitate a partecipare autorità nazionali, regionali e provinciali.

Il programma prevede, in particolare, i saluti istituzionali del Commissario Straordinario del Comune di Cassano All'Ionio, Mario Muccio e del Direttore Generale del Segretariato Regionale per la calabria del Ministero della Attività e i Beni Culturali, Salvatore Patamia, che faranno da prologo alle relazioni tecniche dell'Ing. Carlo Consoli, su: La redazione del Parco Culturale della Sibaritide; del Presidente della Telos srl, Giovanni Cafiero, che argomenterà su: Progetti materiali e immateriali per il Parco Culturale della Sibaritide – Tra marketing territoriale e rafforzamento dell'ecosistema turistico e culturale; e di Adele Bonofiglio, Direttrice del Museo Nazionale Archeologico di Sibari, su: Le prospettive del Museo di Sibari quale luogo della cultura della Sibaritide. A seguire, sono previsti interventi dei sindaci dei comuni associati, di rappresentanti delle associazioni e degli operatori della cultura e del turismo, delle filiere agricole e agroalimentari, del mondo della ricerca e della formazione e operatori dei servizi per il turismo e lo sviluppo locale. Sono: Albidona, Alessandria del carretto, Amendolara, Caloveto, Canna, Castroregio, Cerchiara di Calabria, Corigliano Calabro, Rossano, Cropalati, Crosia, Francavilla Marittima, Montegiordano, Nocara, Oriolo, Paludi, Plataci, Rocca Imperiale, Roseto capo Spulico, San Cosmo Albanese, San Demetrio Corone, San Giorgio Albanese, San Lorenzo Bellizzi, San Lorenzo del vallo, Santa Sofia d'Epiro, Spezzano Albanese, Terranova da Sibari, Trebisacce, Vaccarizzo Albanese, Villapiana e Cassano All'Ionio, quale comune capofila. Il progetto, ha come fulcro l'area archeologica di Sibari che si estende su una superficie di 1600 kmq che ingloba 31 Comuni dell'Alto Ionio Cosentino confinanti tra di loro, con una popolazione complessiva di quasi168mila abitanti ed è il frutto dell'impegno e della partecipazione attiva delle amministrazioni coinvolte. Rappresenta un importante momento di programmazione d'area finalizzata alla crescita e sviluppo equilibrato e sostenibile del territorio di riferimento, per produrre lavoro qualificato, ricchezza e benessere, partendo dalla valorizzazione del patrimonio esistente.