Celluloide
 

'Ndrangheta, nel docufilm su San Luca (RC) la "Preside coraggio" Domenica Cacciatore

cacciatoredomenica"Ho accetto l'invito del regista Ambrogio Crespi e racconterò la mia storia nel docufilm su San Luca. Lo faccio per sollecitare i più giovani, per insegnare che non bisogna arrendersi davanti alle montagne di difficoltà". Così la 'preside coraggio', Domenica Cacciatore. Il dirigente scolastico è simbolo nazionale per le battaglie di legalità condotte nel paese calabrese.

Ambrogio Crespi, in queste ore, è tornato in Calabria. Il regista che, con Klaus Davi, è impegnato nel progetto 'La Mano nera', il film denuncia che racconta le storie dei testimoni di giustizia e di chi si è opposto alla criminalità organizzata, è alle prese con le scene del film ed ha incontrato la preside. Per Crespi "è un esempio vero e concreto della reazione alla ndrangheta. È punto di riferimento autentico, in perfetta linea con l'idea del docufilm, e la sua sarà riflessione pertinente e dal grande significato".

"Consegno - ha rilanciato la Cacciatore- una testimonianza, i miei ricordi, le mie ferite, le battaglie per gli studenti. Lo farò con gli occhi degli alunni che mai mi hanno abbandonato, perché resti memoria. Sarà una esperienza vera e sincera, ancora alla realtà".