Catanzaro
 

Si è conclusa la prima edizione del premio letterario "Paolo Emilio Tulelli"

Si è conclusa brillantemente la prima edizione del premio letterario "Paolo Emilio Tulelli" ideato dalla giurista Rita Tulelli, presidente dell'associazione "Universo Minori", nonché pronipote dell'illustre Paolo Emilio Tulelli (Zagarise, 18 agosto 1811 – Napoli, 27 gennaio 1884) che fu presbitero, filosofo e educatore italiano nonché scrittore, letterato e poeta. Con questo concorso, la dottoressa Tulelli, ha inteso avvicinare i ragazzi alla conoscenza della figura umana del filosofo, al suo pensiero, agli insegnamenti ancora oggi attuali e al suo legame con la città di Catanzaro, la sua cospicua donazione di libri al Comune di Catanzaro infatti, rese possibile l'istituzione della biblioteca comunale della città. La proposta di indire questo premio è stata sin da subito accolta dalla dirigente scolastica dell'Istituto Comprensivo "Catanzaro Nord - Est Manzoni", la professoressa Flora Alba Mottola.

Il concorso ha previsto due tipologie di elaborati: sezione "componimento letterario", rivolto agli alunni delle classi terze della scuola secondaria di primo grado e la sezione "grafica", per gli alunni delle classi quinte della scuola primaria dell'istituto.

Gli elaborati sono stati valutati dalla giuria composta dalla dottoressa Rita Tulelli, dall'onorevole Angela Napoli, presidente dell'associazione "Risveglio Ideale", dalla dirigente scolastica Flora Alba Mottola e da Don Giuseppe Silvestre, vicario episcopale dell'arcidiocesi di "Catanzaro –Squillace".

La presentazione dell'iniziativa è avvenuta il 29 febbraio 2020 presso la sala "Sancti Petri" del palazzo Arcivescovile di Catanzaro e in quell'occasione Monsignore Giuseppe Silvestre aveva presentato agli alunni la figura del sacerdote e teologo appartenente alla famiglia Tulelli, secondo il cui pensiero la vita dell'uomo deve essere guidata da tre elementi che illuminano il cammino di ciascuno di noi: l'intelligenza, la libertà e la volontà.

Il concorso ha voluto riprendere questi elementi cardine del pensiero del filosofo e proiettarli nella realtà, che da lì a pochi giorni, avrebbe cambiato la vita e le abitudini di ognuno di noi: l'emergenza dovuta al "COVID-19". Gli alunni della scuola secondaria attraverso i loro elaborati hanno potuto esporre le loro riflessioni su ciò che, in questa situazione unica, hanno rivalutato e apprezzato attraverso l'uso dell'intelligenza, su come la volontà sia stata di sostegno nell'affrontare la situazione, e sicuramente come la limitazione della libertà abbia fatto apprezzarne ancora di più il suo valore. Mentre i bambini della scuola primaria hanno invece espresso il significato della parola "libertà" sotto forma di pensieri accompagnati da disegni.

La giuria ha apprezzato il valore degli elaborati e si è complimentata con gli alunni e docenti per l'impegno profuso in una situazione di difficoltà, visto che il tutto si è svolto attraverso la didattica a distanza, e ringraziato anche tutti i genitori dei bambini partecipanti

A vincere sono stati quattro studenti, due della scuola primaria afferenti al plesso "Manzoni" e due della scuola secondaria di primo grado del plesso "Siano Sud", che hanno ricevuto in premio un tablet ciascuno messi in palio dall'associazione "Universo Minori", la cui presidente ha dichiarato che i vincitori hanno espresso con molta solerzia il pensiero del filosofo Tulelli basandosi sui suoi concetti cardine ed esprimendoli in modo chiaro e ben articolato.