Coronavirus: Magorno interroga Lamorgese, Guerini e Speranza sui controlli per Pasqua e Pasquetta

Il Senatore Ernesto Magorno ha presentato un'interrogazione parlamentare al Ministro dell' Interno, Luciana Lamorgese, al Ministro della Difesa, Lorenzo Guerini, e al Ministro della Salute, Roberto Speranza, relativa ai controlli sul territorio calabrese volti al rispetto delle norme in atto per contenere il Covid-19. Nell'interrogazione si evidenzia come la Calabria sia "un' ambita meta turistica che normalmente registra nei periodi di bella stagione e durante il fine settimana un aumento delle presenze che, nell'attuale emergenza sanitaria, rappresenterebbe un grave rischio qualora, per le imminenti festività di Pasqua, si verificassero incomprensibili spostamenti "verso abitazioni diverse da quella principale, comprese le seconde case utilizzate per vacanza" e/o rientri non consentiti dalle vigente normativa ministeriale e regionale". Per questo si chiede se i Ministri in indirizzo, ciascuno per le proprie competenze, a tutela sia della salute dei cittadini che della sicurezza pubblica, intendano intervenire perché siano predisposti, a potenziamento delle Forze dell'Ordine, presidi dell'Esercito nelle aree urbane e agli ingressi sia Lato Nord che Lato Sud dell'A2 -Autostrada del Mediterraneo, della Strada Statale 18-Tirrena Inferiore e della Strada Statale 106-Jonica, in modo tale da controllare, contenere e bloccare eventuali spostamenti verso la Calabria".

Segue testo interrogazione completo:

MAGORNO — Al Ministro dell' Interno, al Ministro della Difesa , al Ministro della Salute
— Premesso che:
- il Decreto del Presidente del Consiglio dei Ministri del 1° aprile 2020 proroga fino al 13 aprile le misure di contenimento dell'emergenza epidemiologica da Covid-19 e quindi anche "il divieto a tutte le persone fisiche di trasferirsi o spostarsi, con mezzi di trasporto pubblici o privati, in un comune diverso rispetto a quello in cui attualmente si trovano, salvo che per comprovate esigenze lavorative, di assoluta urgenza ovvero per motivi di salute";
- l'Ordinanza del Ministro della Salute del 20 marzo 2020, prorogata fino al 13 aprile, prevede tra le altre disposizioni, il divieto, "nei giorni festivi e prefestivi, nonché in quegli altri che immediatamente precedono o seguono tali giorni, di ogni spostamento verso abitazioni diverse da quella principale, comprese le seconde case utilizzate per vacanza";
- l'Ordinanza del Presidente della Regione Calabria del 03 aprile 2020 proroga fino al 13 aprile tutte le disposizioni previste dalle precedenti ordinanze per la prevenzione e la gestione dell'emergenza epidemiologica da COVID-2019 e nello specifico mantiene il "divieto di spostamento delle persone fisiche in entrata e in uscita dal territorio regionale";
- il carattere altamente diffusivo e contagioso del Covid 19 indubbiamente correlato all'enorme flusso di rientri dal centro-nord, avvenuto nella notte dell'8 marzo e nei giorni successivi, ha portato all'insorgere di casi anche sull'intero territorio della Regione Calabria, all'epoca non ancora colpito dall'epidemia;
- la Calabria è un'ambita meta turistica che normalmente registra nei periodi di bella stagione e durante il fine settimana un aumento delle presenze che, nell'attuale emergenza sanitaria, rappresenterebbe un grave rischio qualora, per le imminenti festività di Pasqua, si verificassero incomprensibili spostamenti "verso abitazioni diverse da quella principale, comprese le seconde case utilizzate per vacanza" e/o rientri non consentiti dalle vigente normativa ministeriale e regionale ;
- nei Comuni Calabresi, le unità di Polizia Locale sono esigue o del tutto inesistenti e, di conseguenza, è problematico garantire, in concorso e in ausilio alle Forze dell'Ordine, anche queste non sufficienti per numeri e mezzi, l'esecutività di quanto prescritto dai Decreti del Presidente del Consiglio in materia di contenimento e gestione dell'emergenza epidemiologica da Covid-19;
- è rimasta elusa dal Governo la richiesta di autorizzare i Comuni del Sud ad assunzioni, in deroga e a termine, di Agenti di Polizia Locale;
- a parere dell'interrogante, in vista della Pasqua e della "Pasquetta", tradizionalmente festeggiati in compagnia di amici e parenti, con uscite e gite non solo "fuori porta" ma anche fuori regione, è urgente e indispensabile in Calabria, la presenza dell'Esercito per assicurare capillarmente sul territorio le necessarie azioni di controllo, contenimento e blocco di eventuali spostamenti;
- potrebbero essere utilizzati anche militari , già residenti in Calabria e che attualmente, per come risulta all'interrogante, stanno prestando servizio in smart working;
- l'evoluzione epidemiologica del Covid-19 con un incremento di casi sul territorio regionale e il probabile verificarsi di ulteriori situazioni di potenziale propagazione del contagio destano un diffuso stato di preoccupazione e agitazione tra la popolazione calabrese;
— Si chiede di sapere:
- se i Ministri in indirizzo, ciascuno per le proprie competenze, a tutela sia della salute dei cittadini che della sicurezza pubblica, intendano intervenire perché siano predisposti, a potenziamento delle Forze dell'Ordine, presidi dell'Esercito nelle aree urbane e agli ingressi sia Lato Nord che Lato Sud dell'A2 -Autostrada del Mediterraneo , della Strada Statale 18-Tirrena Inferiore e della Strada Statale 106-Jonica, in modo tale da controllare, contenere e bloccare eventuali spostamenti verso la Calabria.

Creato Lunedì, 06 Aprile 2020 10:13