‘Ndrangheta, Movimento NOI: “Allarme lanciato da procuratore Bombardieri non rimanga inascoltato”

"L'allarme lanciato dal Procuratore Capo Antimafia di Reggio Calabria Giovanni Bombardieri che comunica lo stato di crisi di personale per colpa del quale non si riesce a fronteggiare la mafia, ricorda le drammatiche parole di Paolo Borsellino innanzi alla Commissione Antimafia, quando comunicò che dovette rinunciare a parte della sua scorta per facilitare altre operazioni di Polizia. Il Procuratore Bombardieri è in prima linea e afferma che "nonostante gli sforzi di tutti, rischiamo di non riuscire a dare una risposta immediata sul territorio". Lo dichiara il portavoce nazionale del Movimento cattolico NOI Fabio Gallo che aggiunge: "Quanto riportato dai media è assai allarmante e ci offre il metro per valutare l'azione di Governo che, in Calabria, misura la sua reale capacità di amministrare un Paese. Nonostante di recente - continua Gallo - i Procuratori Giovanni Bombardieri e Nicola Gratteri siano stati convocati per una riunione straordinaria del Comitato per l'ordine e la Sicurezza Pubblica, e qui abbiano spiegato le gravissime problematiche, dobbiamo prendere atto che nessuna attività risulta essere stata posta in essere per colmare questo vuoto strategico dal quale dipende anche lo sviluppo del Sud in un contesto di legalità. Oggi, ci rivolgiamo al Parlamento e alla Commissione Parlamentare Antimafia per chiedere cosa sia stato fatto e cosa hanno intenzione di fare per risolvere questo problema. Soprattutto, in quali tempi. Il contrasto alle mafie di ogni genere - conclude Fabio Gallo - non riguarda solo la Magistratura e le Forze dell'Ordine, ma l'intera società civile e in maniera speciale il mondo della politica. Quella con la "P" maiuscola".