Precari sanità: "Decreto del Governo incostituzionale, Oliverio mostri sussulto di dignità e lo impugni"

"Chiediamo pubblicamente al presidente Mario Oliverio un sussulto di dignità: impugni al Tar del Lazio sia il decreto del Governo , sia le conclusioni del tavolo Adduce che non hanno tenuto conto delle controdeduzioni della Regione. Oggi la Calabria viene mortificata e ridotta a colonia inesistente del potere centrale.
Le dichiarazioni del ministro Grillo , che ha anticipato i termini del decreto, sono veramente inaccettabili. Il Governo avrebbe dovuto rivedere la norma sul commissariamento che sta strozzando la sanità calabrese e invece mette le mani su un potere regionale, sancito dalla Costituzione, decretando peraltro che gli acquisti debbano avvenire attraverso le altre Regioni !
Questo significa la morte della sanità calabrese , ma è anche un antipasto di come ci considerino a Roma ( o a Milano...)".E' quanto sostiene Dora Gallo, del Movimento Precari Sanità Calabrese.

"Cotticelli e Schael avevano già i poteri per intervenire sulle asp inadempienti e se è vero che i conti della Regione non sono stati tenuti neppure in considerazione, siamo dinanzi a un precedente mostruoso.
Attenzione , noi non difendiamo Oliverio ma il principio dell'autonomia che viene ribadito per tutte le regioni italiane, tranne che per una .
E' una vergogna senza fine che, peraltro, non dice nulla sui problemi del precariato".